Ddl Zan, ha vinto l’ipocrisia

Oggi abbiamo ostracizzato la diversità.

Ha vinto Zan e la sua ipocrisia sulla sessualità nel rendere complesso un tema legittimo attraverso l’uso della retorica e dei sofismi. 

Ha vinto il Pd per la sua ipocrisia di aver manipolato come una bandiera uno dei diritti legittimi. 

Ha vinto Salvini per la sua ipocrisia suffragata da dati oggettivi degli esempi a lui vicini di sessualità da tutelare. 

Ha vinto Berlusconi per la sua ipocrisia delle incoerenze tra l’essere e il fare. 

Ha vinto Meloni, una donna prima che essere una cristiana. 

Ha vinto la Chiesa, l’Unica Santa e Apostolica Romana, perché ancora rimette i peccati in un mondo sempre più laico e che non li riconosce più. 

Ha vinto il gioco delle parti e ha perso quello dei partiti. 

Hanno vinto tutti quelli che sono ipocriti perché fanno finta di non capire e non hanno alcuna intenzione di combattere per la libertà. 

Oggi, abbiamo ostracizzato la diversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa
La dittatura, un ballo in maschera
“La nostra libertà non è un incidente della storia: è tempo di sognare le vite delle generazioni future”
Le parole hanno un peso diverso a seconda di chi le usa